Lo Split Payment è applicato nei rapporti tra le imprese e la Pubblica amministrazione, secondo il meccanismo della scissione dei pagamenti che funziona in questo modo: l'impresa privata incassa dalla PA quanto dovuto al netto dell'iva, la PA poi si occupa di versare direttamente l'iva a debito all'Erario.

ALIQUOTA IVA

In SferaNet va creata un'apposita aliquota iva per identificare i movimenti relativi allo Split Payment. L'aliquota può essere inserita in due modi diversi a seconda di come si voglia gestire l'imposta:

  • aliquota con % di applicazione pari a 0
  • aliquota con % di applicazione pari al 22

     

    Note: In entrambi i casi, nella stampa della fattura verrà riportato il totale comprensivo di iva e il totale a pagare al netto dell'imposta.

Vediamo nel dettaglio entrambi gli scenari.

 

ALIQUOTA CON % DI APPLICAZIONE PARI A 0

In questo primo caso, l'anagrafica del codice Iva sarà simile al seguente:

Usando questa tipologia di aliquota in fase di caricamento di una fattura di vendita, l'imposta non viene calcolata e quindi non viene evidenziata né a livello di registri iva, né a livello di giornale contabile.

Esempio di scrittura contabile derivante dalla contabilizzazione di una fattura di vendita:

 

 

ALIQUOTA CON % DI APPLICAZIONE PARI A 22

In questo secondo caso, l'anagrafica del codice Iva sarà simile al seguente

In questo modo, l'imposta viene calcolata e rilevata sia a livello di registri iva che a livello di giornale contabile come una 'normale' Iva al 22%.

Siccome l'iva viene evidenziata, ma di fatto non viene incassata, va generato un movimento di storno dell'imposta stessa.

Questo storno si ottiene caricando una fattura di acquisto speculare a quella di vendita e andando poi a modificare manualmente (per il momento) la scrittura che deriva dalla relativa contabilizzazione.

Per sistemare la scrittura, cliccare con il tasto destro del mouse sulle righe che si devono modificare

e cliccare su OK al seguente messaggio

 .

Nel rigo Iva va azzerato l'imponibile e mantenuta l'imposta.

Nel libro giornale va cancellata la riga dell'iva selezionandola e cliccando sul tasto .

Al seguente messaggio cliccare su OK

 

 

I restanti conti vanno modificati e movimentati per l'importo della sola imposta

La scrittura contabile, presumento un imponibile pari a 55 euro e una relativa imposta di 12,10 euro, deve risultare come la seguente:

 

ATTENZIONE! LA REGISTRAZIONE VA POI BLOCCATA SELEZIONANDO IL FLAG "NON MODIFICABILE", PER EVITARE CHE VENGA MODIFICATA A SEGUITO DI UNA SUCCESSIVA MODIFICA

 

INCASSO

Le pratiche o le fatture vanno incassate al netto dell'iva split payment. In caso di imponibile pari a 125 + IVA 22% Split Payment, l'incasso dovrà riportare il solo imponibile:

PAGAMENTO

Se l’importo della fattura viene portato in detrazione di debiti col fornitore (esempio Trenitalia), questo non deve comprendere l’importo dell’imposta.

Nell'esempio paghiamo un biglietto al netto del SOLO IMPONIBILE delle commissioni riconosciute da Trenitalia all'agenzia (fattura trenitalia 125 + iva 22% split payment).

LIQUIDAZIONE IVA

Cosa succede a livello di Liquidazione Iva?

Nel primo caso (aliquota iva pari a zero) l'Iva non viene evidenziata e quindi non viene conteggiata

 

 Nel secondo caso (aliquota iva pari a 22) l'imposta viene conteggiata ed evidenziata sia nelle vendite che negli acquisti compensandosi

 

COMUNICAZIONE PERIODICA DELL'IVA

Nella Comunicazione Periodica dell'Iva, l'imponibile delle vendite Split payment viene, in ogni caso, sommato agli altri imponibili per il calcolo del rigo VP2. Di seguito la chiara indicazione dell'AGE in merito alla liquidazione iva

 relativo esempio

DICHIARAZIONE IVA ANNUALE

Nella Dichiarazione Iva Annuale l'imponibile delle vendite Split Payment viene, in ogni caso, inserito nel rigo VE38